martedì 12 aprile 2016

Pezzi

Che paura, che voglia che ti prenda per mano...

F. De André

Forse una delle cose che dovrebbero dirti, quando si inizia a parlare d'amore, è che può andare tutto a puttane. Può, ma tu devi provare lo stesso. Perché non c'è niente di peggio che stare a bordo campo inveendo contro un pallone che non calci, quasi peggio dei vecchi che guardano i lavori stradali con le mani dietro la schiena e le tasche piene di rimpianto.
Al massimo sbagli, e sbagliando s'impara. Io cosa ho imparato? Vediamo.
Una volta non abitavo nella stessa città di lui, e la poesia dei treni non era sufficiente a stemperare il mio egoismo, a farmi combattere, così ho mollato. Non sapevo cosa volevo fare di me, perciò non sono riuscita a costruire un noi (e un noi senza un me - o un te - non esiste).
Un'altra volta non ero convinta fin dall'inizio ma ho provato lo stesso, è durata diversi mesi (un'altra volta, simile a questa, anni) in cui abbiamo costruito una casa senza fondamenta ma che ci ospitava entrambi e ci scaldava quando era freddo, salvo poi andarmene senza nostalgia, sola con i miei sensi di colpa.
Un'altra volta, anzi tante, era solo divertimento ma a un certo punto non funzionava più, un sorriso fa in fretta a trasformarsi in un ghigno e presto la sola cosa che resta è un nome in più.
Un'altra volta ero innamorata ma lui no, almeno lì ho pianto per qualcosa, e un'altra ancora era vero amore fortissimo ma è andato tutto a puttane lo stesso, sì eravamo troppo giovani ma non te lo spieghi lo stesso, come è possibile che l'amore finisca, come.
Quando va sempre tutto in pezzi si può decidere se chiamarli cocci oppure mattoni, se dietro c'è solo distruzione oppure la forma della tua vita, i tasselli di te. Si resta in piedi, si mettono i pezzi in tasca per poter, alla fine, montarli e vedere il disegno.

Rompersi è un rischio che si corre incontrandosi, ma dentro al guscio c'è la polpa, la parte più vera. Forse un cuore patchwork è meglio - e più vero - che essere tutti di un pezzo, ma soli.

4 commenti:

  1. Alla fine è tutto questo che rende la cosa divertente: sulle montagne russe ci sali perché hai sempre l'impressione di rischiare di non uscirnd vivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, forse ne vale la pena, anche coi cerotti

      Elimina
  2. L'amore, per quanto bello e potente, rende ciechi, a volte anche irrazionali. È questo che lo rende affascinante. Seguire la ragione, tuttavia, evita di schiantarsi e ritrovarsi in "pezzi" o "cocci" o "mattoni". Non dico che non ci si fa del male se non si prova perché male ci si fa lo stesso; peró sarebbe un dolore ancora sopportabile. Quindi vale la pena provarci lo stesso anche se alla luce di mille calcoli è un amore difficile? Oppure è meglio essere realisti e lasciarla andare via?

    RispondiElimina